I motori Galiffa primi e secondi in KZ2 al campionato europeo FIA karting

I motori Galiffa a Lonato vincono con Renaudin e Pollini il Campionato Europeo KZ2 2018.
Un week end, quello trascorso, ricco di soddisfazioni per la Galiffa kart che conquista uno dei titoli più importanti dell’anno.

Il preparatore abruzzese sale sul gradino più alto con il pilota del Team CPB, Adrien Renaudin. Il pilota francese che al primo round del campionato dalla pole va a vincere indisturbato sul circuito di Salbris, a Lonato adotta una strategia di gara in difesa per non compromettere la vittoria del titolo, cercando di conquistare punti preziosi ed evitare penalità e contatti.

Grandi soddisfazioni anche dal vice campione europeo, Giacomo Pollini, che gioca l’ultimo round in casa dove molto veloce nei tempi, vince 2 manche ed in finale con un pò di difficoltà chiude in quinta posizione, ottenendo punti importanti che lo confermano appunto vice campione.

Il motorista abruzzese ha sfiorato la tripletta di campionato con Loubere che nonostante a Salbris avesse fatto la differenza salendo sul secondo gradino del podio, a Lonato per una serie di circostanze non ha raggiunto il punteggio necessario per conquistare il terzo posto in campionato.

Un buon lavoro l’hanno svolto anche gli altri piloti motorizzati Galiffa, Leuillet T., Benavides, Valenti e Balbo che a Lonato hanno preso parte alla finale con buone performance. Buone le tempistiche di Leuillet G., Nomblot, Fontaine, Bernardotto, Prosperi e Ojaranta che purtroppo non hanno avuto accesso alla finale.

In Kz il pilota Henri Kokko con i motori Galiffa ha saputo ben confrontarsi con l’elevata professionalità e competizione che il campionato europeo riserva. Kokko con un buon ritmo ha concluso in quindicesima posizione a Lonato, un buon risultato considerando fosse la sua prima gara di stagione.

Gianfranco Galiffa, con soddisfazione, ringrazia la TM Racing per il costante supporto, i Team CPB, NGM, CRG, PRAGA, SODI, NINAR. Grazie al campione Europeo Adrien Renaudin, al vice campione Giacomo Pollini e a tutti i piloti e meccanici.

Mille grazie a Elvezio e Dorin per il loro prezioso lavoro.